115. Calcolare gli utenti attivi per fasce d’eta’

D. E’ possibile sapere quanti sono stati lo scorso anno gli utenti attivi della mia biblioteca divisi per fasce di eta’?

R. Nella sezione Utenti attivi della statistica “Anagrafe regionale” , con i totali di coloro che hanno avuto almeno un prestito nel 2015 dal bancone della nostra biblioteca, si differenzia soltanto tra il pubblico degli adulti e quello dei ragazzi. Una disaggregazione piu’ analitica per fasce d’eta’ la si puo’ avere con “Statistiche utenti (Comperio)”, che pero’ calcola gli Utenti attivi in modo diverso dal criterio adottato dalla statistica regionale: gli utenti attivi sono tutti gli utenti che hanno la nostra come biblioteca preferita e hanno fatto almeno un prestito nel periodo considerato. La soluzione, per avere un’analisi piu’ dettagliata della nostra utenza attiva, e’ produrre con Clavis un file, che si puo’ aprire con un foglio di calcolo, contenente i dati dei lettori che hanno avuto almeno un prestito nel 2015, che poi potremo aggregare in base all’anno di nascita e differenziare ulteriormente incrociando il sesso, la professione, o altro.
Ecco come procedere:
– nella pagina Circolazione => Prestiti in corso compilare il filtro di ricerca inserendo nel campo “Biblioteca di destinazione:” il nome della biblioteca di lavoro; spuntare la casella “Compresi conclusi/annull.:” e inserire nei due campi “Data di prestito:” gli estremi del periodo di rilevazione, quindi cliccare il pulsante “Cerca”;
– selezionare tutti i prestiti ottenuti e inserirli in uno scaffale;
– dallo scaffale con i prestiti eseguire l’operazione “Estrai utenti” per ottenere uno scaffale contenente tutti gli utenti attivi;
– dallo scaffale contenente gli utenti attivi eseguire l’operazione “Esporta su file csv”.
Il file ottenuto potra’ essere aperto e rielaborato con Calc (il foglio di calcolo della suite OpenOffice, che sembra essere il programma preferito degli output Clavis), oppure con Excel.

Annunci

34. Statistiche

D. Siamo a fine anno e si approssimano le statistiche 2013. Per capire come e’ andata di solito mi concentro sui dati degli utenti attivi, prestiti e patrimonio, gli stessi che serviranno anche per il questionario regionale. Ma anche Liber vorra’ la sua parte e quindi mi servira’ sapere anche quali sono stati i libri piu’ letti dai nostri piccoli lettori. C’e’ una funzione che mi permette di ricavare tutti questi dati?

R. In Clavis abbiamo a disposizione una batteria di report statistici che possiamo stampare anche a distanza di tempo dal periodo considerato, senza alcuna perdita di dati. Quindi nessuna fretta.
In particolare, nella pagina Stampa => Stampa statistiche, il modello “Anagrafe regionale” impiega criteri di misurazione congruenti con i dati raccolti negli anni precedenti il 2013.
Per il prossimo sondaggio di Liber sulle preferenze di lettura di bambini e ragazzi, si utilizzi invece il modello “Classifiche”: si ottengono dati per una analisi interessante sulle collane e i libri piu’ letti, oltre che sui lettori che hanno avuto piu’ prestiti.
Aggiungo la raccomandazione sulla cura che bisogna avere nell’inserimento dei dati, appunto a fini statistici come ricordato qui.
Infine, anticipo la domanda che piu’ spesso mi e’ stata fatta sulle incongruenze statistiche, se non vi trovate con il conteggio dei lettori residenti, andate a vedere qui.

8. Lettori forti e materiali più prestati

D. Cara zia Clavicola, qual è la procedura di Clavis che mi permette di estrapolare il lettore che ha preso a prestito il maggior numero di documenti nel corso dell’anno?

R. Se vai alla pagina Stampe => Stampa statistiche puoi selezionare nel menu a tendina il report Classifiche, che Marco Gussago (un grande! 😉 ) ha appena predisposto per recuperare non solo i “lettori forti” e i libri più letti, ma persino le collane più prestate, per la gioia di tutti coloro che partecipano al sondaggio di Liber.
Naturalmente vengono considerati tutti i prestiti fatti dal tuo bancone, anche di documenti provenienti da altre biblioteche.
L’intervallo di date proposto si riferisce all’ultimo anno di rilevazione, ma può essere modificato.