107. Chiusure

D. Cosa fare per informare lettori e colleghi delle giornate di chiusura programmate fra Natale e Capodanno?

R. Piu’ o meno quello che ti avevo gia’ consigliato di fare l’anno scorso ;-).
La cosa piu’ urgente – oltre a mettere cartelli, segnalarlo nelle firme automatiche delle mail ecc. – e’ modificare l’orario d’apertura della biblioteca in Clavis, come spiegato qui. Avvisare delle chiusure con l’anticipo di almeno un mese serve per far giungere l’informazione al maggior numero di persone che visitano la pagina della biblioteca in Opac. La variazione d’orario puo’ essere inserita anche nei messaggi generati dalle funzioni di notifica in Clavis, vedi qui.
Altro provvedimento, da valutare in base alla durata della chiusura, e’ la disabilitazione della biblioteca al ritiro del materiale prenotato. Resto infine dell’idea che sia inutile scriverlo in lista, come ho argomentato qui, mentre e’ sempre molto opportuno comunicarlo al proprio Centro operativo. Pessima infine la pratica vista gli scorsi anni di creare un “evento” in Opac. Non e’ solo un uso improprio dello strumento, pensa se lo usassimo tutti: diventerebbe inutile e nella colonna degli eventi in Opac avremmo solo chiusure.

93. Chiusure estive

D. Devo modificare l’orario di apertura della mia biblioteca nel mese di agosto: orario ridotto e qualche giorno di chiusura. Mi ricordi cosa devo fare?

R. Bravo, e’ giusto il momento di aggiornare in Clavis il calendario se per l’estate sono previste chiusure o variazioni d’orario; non solo perche’ l’informazione arrivi tempestivamente a tutti i lettori, che in Opac possono consultare la tabella aggiornata dell’orario di apertura, ma anche perche’ il programma ne possa tener conto nel calcolo della durata dei prestiti, come gia’ avevamo detto qui.

Oltre a mettere cartelli, segnalare la chiusura (eventualmente) nelle firme automatiche ai messaggi, nei segnalibri ecc., ecco cosa dovete ricordare di fare in Clavis e Opac:

– la cosa piu’ urgente e’ modificare l’orario d’apertura della biblioteca, come spiegato qui.
– in base alla durata della chiusura, valutate poi se disabilitare la biblioteca al ritiro del materiale prenotato.
– del tutto inutile, invece, scriverlo in lista, come ho cercato di argomentare qui senza molto successo visti i messaggi che arrivano ancora, mentre resta sempre molto opportuno comunicarlo al proprio Centro operativo.

63. Biblioteca disponibile per il ritiro

D. Ciao, ho provato a fare una prenotazione, ma mi sono accorta che come biblioteca di ritiro la mia non esiste più; anche un utente mi ha fatto notare che dall’Opac non è possibile sceglierci come biblioteca di ritiro. Forse ho dimenticato qualcosa quando ho riaperto la biblioteca?

R. Una delle prime cose da fare subito dopo la riapertura e’, se si era effettuata la disabilitazione, riabilitare la biblioteca al ritiro del materiale prenotato. Dimenticarsene vuol dire non solo che ne’ in Clavis, ne’ in Opac si potra’ scegliere la tua come biblioteca di ritiro del documento prenotato, ma che le prenotazioni verso la tua biblioteca inserite dai lettori prima della chiusura rimarranno inevadibili, perche’ non visualizzate nella pagina Circolazione => Prenotazioni.

Come procedere nella verifica ed eventualmente alla riabilitazione:
– in Clavis, raggiungere la pagina della Biblioteca e controllare che il campo STATO BIBLIOTECA contenga il valore “Attiva”; in presenza di altri valori, cliccare il pulsante Modifica e selezionare la voce “Attiva” dal menu a tendina, quindi cliccare Salva e chiudi.
– in DiscoveryNG, nella pagina della biblioteca, sezione catalogo, la casella “Disponibile per il ritiro” deve essere spuntata.